CAMBI DI STAGIONE, STANCHEZZA IN CORSO!

CAMBI DI STAGIONE, STANCHEZZA IN CORSO!

Avere sonno di giorno e non riuscire a dormire bene di notte, stancarsi più facilmente del solito, ma anche essere piuttosto irritabili: è quello che potrebbe succederci durante il cambio di stagione, all’arrivo dell’autunno, ma anche nel periodo primaverile.

Alzi la mano infatti chi non ha mai detto “Che fatica, si sente che sta arrivando la primavera!” oppure “Autunno in arrivo, dormirei ad oltranza”. Ma come mai succede questo? Nel passaggio verso la primavera l’organismo è invitato risvegliarsi dal torpore tipico del periodo invernale, complici l’allungamento delle giornate e il cambio del clima. Durante l’inverno, infatti, i ritmi rallentano e anche le attività che si svolgono cambiano: con il freddo esterno di solito si ha più voglia di stare in casa, leggere un libro, organizzare cene casalinghe con gli amici e la primavera rappresenta un vero e proprio nuovo inizio per la Natura, ma anche per il nostro organismo. Al contrario, all’arrivo dell’autunno porta con sé la dinamicità del periodo estivo appena trascorso e proietta l’organismo vero un periodo in cui sarà necessario razionare le energie.

CAMBI DI STAGIONE, STANCHEZZA IN CORSO! - PASSEGGIATA

Le difficoltà stagionali possono durare da qualche giorno a qualche settimana. Ma cosa possiamo fare per vivere al meglio l’arrivo della nuova stagione? Ecco 5 regole d’oro:

  1. ascoltare il proprio corpo e assecondare, per quanto possibile, la necessità di riposo e il bisogno di ritmi più lenti;
  2. evitare di reagire all’eccessiva sonnolenza aumentando l’assunzione di sostanze stimolanti come caffè, thé o alcolici;
  3. avere un occhio di riguardo verso il proprio stile di vita: mangiare in modo sano e variato, con un’attenzione particolare a frutta e verdura di stagione, e bere molto per aiutare l’organismo ad avere tutte le sostanze di cui può avere bisogno;
  4. concedersi delle passeggiate rilassanti che permettano al contempo di fare un po’ di attività fisica, ma anche di controllare lo stress legato a questi periodi;
  5. se necessario, consultarsi con il proprio medico curante o farmacista di fiducia per valutare un’integrazione alimentare che possa supportare l’organismo ad affrontare la nuova stagione in arrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *